La Tartaruga e la Lepre

lepre-tartaruga-audio

C’erano una volta una piccola Tartaruga e una Lepre che decisero di camminare insieme, una affianco all’altra sulla strada della vita. Ma questa passeggiata si rivelò presto assai difficoltosa: la velocità della Lepre contrastava la lentezza della Tartaruga.

“Ti vuoi muovere?!” Disse la Lepre.

“Aspetta! Sto guardando questo fiore…hai visto che sfumature meravigliose hanno i suoi petali?”rispose la Tartaruga.

“No, ma ora non abbiamo tempo!”

Ogni cinque lentissimi passi la tartaruga si fermava ad ammirare qualche dono della natura: le cose chiamavano la sua attenzione è lei non poteva fare a meno di sostare!

La lepre invece scalpitava, non riusciva proprio a procede così lentamente!

Le sue zampe volevano sfrecciare.

“Se solo provassi a correre un po’…non sai quanto sia meraviglioso il vento sul muso…”

La tartaruga, amando immensamente la Lepre, provò a correre con le sue zampette inesperte, ma inciampò su di una radice dopo pochi balzi e ruzzolò così a lungo che ci mise parecchie ore a rimettersi sulle zampe!

La tartaruga non ripetè più l’esperimento e tornò a condurre la sua calma passeggiata.

Il tempo passava e la Lepre era sempre avanti la tartaruga e la incitava ad accelerare:

“Dai cammina! Ma cosa stai facendo?” aggiunse vedendo la tartaruga intenta a far roteare un rametto.

“Sto allenando le mie zampe!” spiegò la tartaruga.

Sbuffando la Lepre avanzò ancora ma presto fu costretta a fermarsi di nuovo, non sentendo più la tartaruga.

“E ora perché ti sei fermata?”  chiese stizzita la Lepre vedendo la tartaruga impegnata a far chissà che.

“Voglio proprio sapere se è più pesante trasportare questo sasso o questa pigna….” disse la tartaruga concentrata sul suo esperimento.

“Vieni qua, mentre camminiamo te lo dico io!” asserì la Lepre.

Ma nonostante i tentativi di Lepre, Tartaruga non aumentava il passo: lentamente procedeva scavalcando, triturando, assaggiando, sollevando, spostando, incastrando, infilando rametti, fiori, pietre, foglie…

La Lepre esausta da questo ritmo di camminata, e stufa di far dieci passi avanti e nove indietro, un giorno decise di rallentare.

Si avvicinò alla Tartaruga e iniziò a procedere lentamente al suo fianco, lasciando che fosse lei a dare il ritmo. Fu così che la Lepre iniziò a comprendere ciò che attirava l’attenzione di Tartaruga e scoprì quanto fosse divertente starla a guardare sperimentare il mondo.

Un giorno la Lepre notò che il passo della Tartaruga stava cambiando, le sue zampe andavano più veloci e sicure, si era fatta più abile e il suo bisogno di allenarsi stava diminuendo.

Piano piano, giorno dopo giorno la camminata si fece più veloce, il ritmo aumentò e la tartaruga, pronta a procedere al fianco della Lepre, si lasciò guidare. Quella corsa fu sorprendente: la lepre mostrò a tartaruga tutto ciò che conosceva; strade, scorci mozzafiato, nascondigli perfetti, simpatici amici, acrobazie, capriole…

Insieme crebbero imparando a conoscersi e rispettarsi.

Condivisero la strada per molto tempo, felici e complici prima di iniziare una nuova fase della vita dove avrebbero camminato lontane, ma portando nel cuore, per sempre, ciascuna una parte dell’altra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...